1. Il Consiglio Nazionale Forense bandisce il corso di cui all’art. 22, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, 247.
  2. Nel bando sono indicati i requisiti per l’accesso, le modalità di presentazione della domanda ed i criteri per l’erogazione delle borse di studio di cui al successivo art. 5, nonché il nominativo del responsabile del procedimento e il contributo economico per la partecipazione al corso di cui al successivo art. 5.
  3. Il bando indica altresì le modalità di presentazione della domanda.
  4. A pena di inammissibilità, le domande devono contenere, oltre all’indicazione delle generalità del richiedente, comprensive del domicilio professionale e dell’indirizzo di posta elettronica certificata, la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di cui al successivo art. 4; nella domanda, il richiedente specifica la materia sulla quale intende sostenere la prova ai fini di cui al comma 6 del successivo art. 4 a scelta tra diritto processuale civile, diritto processuale penale, giustizia amministrativa. Tale scelta è vincolante sia per la frequenza al corso di cui al successivo art. 6 sia per la verifica finale di cui al successivo art. 9.
  5. Il richiedente specifica, inoltre, se intende o meno beneficiare dell’eventuale erogazione della borsa di studio di cui al successivo art. 5.
  6. Le comunicazioni relative al procedimento di accesso sono effettuate, di regola, attraverso posta elettronica certificata.

👉 Archivio NL

✔️ Privacy policy