No, i Consiglieri dell’Ordine non possono assumere incarichi giudiziari da parte dei magistrati del circondario. L’art. 28, co. 10, della legge n. 247/2012 prevede infatti che i consiglieri dell’Ordine degli avvocati non possono assumere incarichi giudiziari da parte dei magistrati del circondario. Tale divieto ha carattere tassativo e non ammette eccezioni o interpretazioni diverse rispetto alla volontà del legislatore, che ha inteso evitare che i consiglieri dell’Ordine si trovino in situazioni di incompatibilità o possano apparire non “specchiati” nello svolgimento dell’incarico che hanno scelto di assumere nell’interesse dei colleghi del Foro cui appartengono. Inoltre, il divieto si estende anche agli incarichi “indiretti”, ovvero quelli conferiti al collega di studio, specie se in associazione con il consigliere dell’Ordine, al fine di evitare qualsiasi dubbio in ordine alla sussistenza di un interesse economico, diretto o indiretto, da parte di chi assume l’incarico di consigliere dell’Ordine.


👉 Archivio NL

✔️ Privacy policy