Sì,  la prescrizione dell’azione disciplinare può essere rilevata d’ufficio in ogni stato e grado del giudizio, anche in sede di legittimità. Questo perché la materia disciplinare ha natura pubblicistica e interessa l’interesse superindividuale dello Stato e della comunità intermedia, quale l’ordine professionale. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14233 del 8 luglio 2020, ha ribadito che la prescrizione dell’azione disciplinare è rilevabile d’ufficio in ogni stato e grado del giudizio, mentre il Consiglio Nazionale Forense, con la sentenza n. 69 del 18 giugno 2020, ha affermato che la prescrizione dell’azione disciplinare è rilevabile d’ufficio perché la materia disciplinare ha natura pubblicistica e interessa l’interesse superindividuale dello Stato e della comunità intermedia, quale l’ordine professionale. Quindi, se l’azione disciplinare è prescritta, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati o il Consiglio Nazionale Forense possono rilevare d’ufficio la prescrizione e dichiarare l’inammissibilità dell’azione disciplinare.


👉 Archivio NL

✔️ Privacy policy