Sì, l’attribuzione della sede del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati negli edifici giudiziari è regolata dalla legge. In particolare, l’art. 28 della L. n. 247/2012 stabilsce che il consiglio ha sede presso il tribunale. Inotre, l’art. 1 della Legge n. 99/1995 prevede che negli edifici adibiti ad uffici giudiziari, sedi di tribunale, è destinato al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati un numero di locali idonei ad assicurare il funzionamento del consiglio stesso, in relazione alle sue effettive esigenze, comprese quelle necessarie per le istruttorie e i dibattimenti disciplinari, per i rapporti con gli organi della giustizia locale, per la conservazione e la fruizione, anche da parte di magistrati, di biblioteche, e per ogni altro servizio utile alla amministrazione della giustizia. La determinazione del numero e della valutazione della idoneità dei locali predetti è effettuata dalla commissione di manutenzione, se costituita, ovvero dai capi degli uffici giudiziari e dal presidente del Consiglio dell’Ordine interessato, tenuto conto della consistenza globale dell’edificio con riferimento alle esigenze connesse al regolare svolgimento dell’attività giudiziaria e di quella forense.


👉 Archivio NL

✔️ Privacy policy