No, l’avvocato radiato non può valersi del titolo di avvocato. L’art. 2, comma 8, della legge n. 247 del 31 dicembre 2012 (Nuova disciplina dell’ordinamento forense) stabilisce chiaramente che “l’uso del titolo è vietato a chi sia stato radiato”. Questo divieto è posto a tutela della collettività e della correttezza dell’informazione, per evitare che soggetti non più abilitati all’esercizio della professione possano ingenerare confusione o trarre in inganno i cittadini.

Inoltre, l’uso improprio del titolo di avvocato da parte di un soggetto radiato può configurare un illecito disciplinare e, in alcuni casi, anche un reato di esercizio abusivo della professione, ai sensi dell’art. 348 del Codice Penale.

Riferimenti normativi:

  • Legge n. 247/2012, art. 2, comma 8
  • Codice Penale, art. 348

👉 Archivio NL

✔️ Privacy policy